In Progetti Per Esempio Onlus, PROVACI

“Ho aderito per curiosità e perché ero alla ricerca di nuovi stimoli. Ho orientato la mia scelta verso un’organizzazione che si occupasse di povertà educativa”. A raccontarci la sua esperienza è Alessia Saladino, ventiduenne laureata alla triennale di Psicologia che a novembre ha iniziato il suo percorso con il progetto Provaci. “Capita che una volta laureati non si abbia la reale percezione del lavoro che si andrà a fare. Ora, dopo più di un mese dall’inizio del mio servizio volontario, ce l’ho”. 

Provaci, infatti, con un ciclo di incontri di orientamento e formazione, prepara persone interessate a fare un’esperienza di tre mesi di volontariato presso un’organizzazione palermitana impegnata nell’accoglienza dei migranti o nel contrasto alla povertà educativa. Da qualche settimana Alessia supporta l’attività dell’Associazione Identità Sviluppo Integrazione (ISI) Onlus, una realtà che promuove il benessere di bambini, giovani e famiglie attraverso azioni di educazione e formazione. In particolare, Alessia collabora all’interno di due Centri di Animazione Territoriale, gestiti da ISI Onlus insieme ad altre due organizzazioni del terzo settore e finanziati dal Comune di Palermo, con sede rispettivamente presso l’Ist. Comprensivo “E. De Amicis” nel quartiere Zisa-Noce e l’Ist. Comprensivo “Ignazio Florio” nel quartiere Resuttana-San Lorenzo, dove si svolgono laboratori pomeridiani di ascolto, sostegno scolastico, sport, salute, musica arte e teatro per bambini e giovani dei rispettivi quartieri. “Non so se in futuro continuerò a lavorare con i bambini – ci spiega – ma di certo in queste settimane ho acquisito consapevolezza del mio ruolo e delle mie attitudini. Mi sto appassionando a nuove attività e sto cercando di cogliere il meglio da questa esperienza, per questo il mio bilancio è molto positivo”.

“Siamo felici di aderire a un’iniziativa che promuove la cultura del volontariato” ci dice Sara Bazzano, tutor di Alessia all’interno di ISI Onlus. “Stiamo accogliendo diversi volontari che hanno seguito la formazione organizzata da Provaci e il loro apporto si sta rivelando molto valido. Oltre che coinvolgerli nelle nostre attività cerchiamo di assecondare le loro inclinazioni, convinti che questo aiuti a creare un clima positivo. Il loro servizio è cominciato da poco, speriamo che la loro motivazione continui a crescere così come il loro contributo”. Provaci prevede un breve percorso di formazione anche per le organizzazioni, coinvolte in una riflessione su come accogliere al meglio le risorse volontarie. Il primo luogo di incontro tra volontari e realtà del terzo settore palermitano è questa piattaforma, www.provaci.org, a cui è possibile registrarsi per trovare informazioni sul progetto e sulle opportunità offerte.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

donne di benin city